Documenti

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sui cookie secondo la normativa europea

Il sito web che state navigando è conforme alla normativa europea sull'uso dei cookie. Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Il sito fa uso di cookie di profilazione propri e cookie introdotti da servizi di terzi parti di cui il sito stesso fa uso.

Che cosa sono i cookie?

I cookie sono di piccole dimensioni che vengono memorizzati all’interno del proprio computer quando visiti un sito web.

Questi , vengono utilizzati per personalizzare l’esplorazione degli utenti e raccogliere informazioni automatiche di accesso e di utilizzo del sito.

Quando il sito web è attendibile, come nel caso del nostro portale, i cookie contribuiscono a migliorare e velocizzare la sua navigazione, così come facilitano la tua prossima visita rendendo il sito più utile per le tue esigenze.

Questa è la sequenza di impostazione (o creazione) di un cookie:

  1. Quando si visita un sito Web per la prima volta, questo chiede di accettare un cookie per un dominio specifico. Se si accetta, il cookie viene salvato sul computer.
  2. Ogni volta che si visualizza una risorsa di quel dominio, il browser invia il cookie.

E’ possibile bloccare i cookie?

Sì è possibile bloccare o consentire i cookie in tutti i siti Web oppure scegliere i siti per i quali sono consentiti.

E’ opportuno bloccare tutti i cookie?

Non necessariamente. Il blocco di tutti i cookie può effettivamente contribuire a proteggere la privacy, ma limitare le funzionalità disponibili in alcuni siti Web. È pertanto consigliabile scegliere i siti Web per i quali consentire i cookie. È quindi possibile bloccare inizialmente tutti i cookie e quindi consentire quelli necessari per i siti considerati attendibili.

Che cosa sono i cookie temporanei?

I cookie temporanei (o cookie della sessione) vengono rimossi dal computer alla chiusura del browser. Vengono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, ad esempio gli articoli presenti nel carrello.

Che cosa sono i cookie permanenti?

I cookie permanenti (o cookie salvati) rimangono memorizzati nel computer anche dopo aver chiuso il Browser di navigazione. Vengono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l’utente debba ridigitarli ogni volta che visita un sito specifico. I cookie permanenti possono rimanere nel computer per giorni, mesi o persino anni.

Che cosa sono i cookie dei siti web visualizzati?

I cookie dei siti Web visualizzati derivano dal sito Web visualizzato e possono essere permanenti o temporanei. Possono essere utilizzati per archiviare informazioni che verranno riutilizzate alla successiva visita del sito.

Che cosa sono i Cookie tecnici?

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

Che cosa sono i cookie di terze parti?

I cookie di terze parti derivano da annunci di altri siti, ad esempio popup o striscioni pubblicitari, presenti nel sito Web visualizzato. Possono essere utilizzati per registrare l’utilizzo del sito Web a scopo di marketing. 

Pulsanti per i social network

Al fine di creare i pulsanti per i social media, tra cui Twitter, Facebook e YouTube, e collegarli ai corrispondenti social network e siti esterni, sono presenti sulle nostre pagine degli script provenienti da domini non soggetti al nostro controllo. Tali siti potrebbero raccogliere informazioni sugli spostamenti dell’utente in Internet e nell’ambito del nostro sito in particolare.

Se si fa clic su uno o più di questi pulsanti, i siti di cui sopra registrano tale azione e potranno fare uso delle relative informazioni. Per informazioni precise sull’utilizzo che tali siti fanno delle informazioni raccolte dagli utenti, e per sapere come eliminarle o evitare che esse vengano raccolte, consultare le informative sulla privacy di ciascuno dei siti in oggetto

Una Learning Region promuove la cooperazione, non la competizione

L'apprendimento insegna a credere nella cooperazione e ad abbandonare il concetto di competizione

 

Una riflessione dei soci fondatori di Learning Citieis Italia


Dopo una ricerca su Internet relativamente al concetto di  Regioni che apprendono, abbiamo trovato questa definizione tratta da Richard Florida, Toward the Learning Region, Futures, 1995:
"Le Regioni del mondo, in competizione tra di loro, diventano i punti focali per la creazione della conoscenza e l'apprendimento nell'era dell'economia globale ad alta intensità di conoscenza (Learning Regions). Esse funzionano da collettori e magazzini di conoscenze ed idee e forniscono un ambiente e delle infrastrutture materiali ed immateriali che facilitano i flussi di conoscenza, le idee e i processi di apprendimento degli individui e delle organizzazioni".

Rispetto a questa definizione, l'Associazione Learning Cities Italia ha una posizione "diversa", ispirata al paradigma della decrescita felice e ai principi della cooperazione tra organizzazioni e persone, per la costruzione di un futuro migliore, per il bene comune. "O per il buon senso - sottolinea Eric Ezechieli, socio fondatore dell'Associazione e presidente di The Natural Step Italia -, cioè per una crescita rigeneratirce della società, dell'economia e della cultura".

"Come ci spiega Serge Latouche - spiega il segretario generale dell'Associazione Nello De Padova - il termine crescita è ancora appannaggio dell'economia. Per la società, per la cultura si deve parlare di sviluppo, di miglioramento, quasi di a-crescita. Si deve iniziare a pensare a una dimensione in cui debba venir meno l'idea che qualcuno cresce a discapito di altri e che la crescita si misura essenzialmente con il denaro accumulato". Si deve iniziare a pensare a una società dove la competizione sia sostituita dalla cooperazione e dove l'apprendimento sia il fondamento dello sviluppo, del miglioramento.

"La crisi economica che stiamo vivendo mette in discussione proprio il paradigma dominante della competizione (economica) - ha detto De Padova - e l'idea che l'apprendimento debba servire per competere e che le città che apprendono siano l'ultima frontiera della lotta fra i territori". "Come dice l'economista Manfred Max-Neef, la competizione va rigettata come idea perché non solo è una forma molto primitiva di interazione ma è anche destinata a fallire, non ha futuro in quanto il suo obiettivo è l'eliminazione della competizione stessa - puntualizza Eric Ezechieli-. Questa contraddizione fa capire come concepire una economia o una società basata sulla competizione non abbia senso. Ha invece senso la cooperazione, perché un sistema sociale può prosperare solo se ciascun attore crea le migliori condizioni perché gli altri possano prosperare. Oggi gli altri sono l'intera umanità: nessuno può prosperare se non si contribuisce alla prosperità dell'umanità e del pianeta che ci ospita".

"Tutte le teorie sullo sviluppo delle competenze dell'apprendimento riconoscono che ci sono situazioni in cui è opportuno competere e situazioni in cui è opportuno concorrere (o cooperare) generalmente per produrre conoscenza nuova o rinnovarne di vecchia - dice Antonio Massari, socio fondatore dell'Associazione Learning Cities -. La mia visione dell'apprendimento è che si tratta di una forma di energia: se c'è differenza di potenziale si sviluppa, altrimenti no. E noi non accettiamo una comunità, dentro un contesto, che non apprende continuativamente. La società, oggi, considera la competitività (concetto che sostituirei a quello di competizione perché ne sottolinea la natura potenziale) necessaria per ottenere successo. E in alcuni casi è proprio così. Del resto un posto attraente per viverci perché ha saputo sviluppare un'alta qualità della vita è competitivo".

Queste convinzioni si concretizzano in una visione della Pubblica Amministrazione Locale nuova. L'Associazione Learning Cities guarda, infatti, agli 8.000 Comuni italiani come a 8.000 imprese dello stesso settore che hanno un vantaggio straordinario, cioè quello di poter ‘copiare' le une della altre senza essere in concorrenza. "Copiare vuol dire avere la capacità di cooperare e di scambiarsi buone pratiche per la crescita del territorio e un'amministrazione efficace", precisa De Padova. Ecco perché l'Associazione si propone come fulcro di una rete di attori del territorio che hanno attivato buone pratiche e di soggetti interessati a capire come poter applicare tali buone prassi nelle singole realtà. "Il nostro compito è quello di convincere gli attori di un territorio ad apprendere grazie alla cooperazione. In questo modo non c'è competizione, non c'è nessuno che vince o che perde ma c'è la possibilità che tutti ne traggano vantaggi utili al bene comune", conclude De Padova. Laddove convincere non è un atto di forza, ma la capacità di "fare delle cose" utili e innovative, che stimolino le comunità e le organizzazioni ad agire.

"Il nostro lavoro dovrebbe soffermarsi sulle diverse forme di competitività, sugli scenari possibili, sul buon senso - precisa Antonio Massari -, ma soprattutto sui valori che riteniamo fondamentali per stimolare la dimensione culturale della collettività". Per far includere paradigmi alternativi (come la decrescita o crescita rigeneratrice, la cooperazione piuttosto che la competizione) nella loro percezione del mondo, della società, dell'economia.
"E' poi importante avere presente - continua Massari - che, nel caso dello sviluppo, acquisisce particolare rilevanza la componente cognitiva dell'uomo (dimensione culturale), che esprimendo una volontà rispetto al proprio comportamento, diviene interattivamente ed interrottamente elemento determinante nella creazione del contesto. Ciò che l'uomo fa influenza il contesto, il contesto influenzato si trasforma, la trasformazione induce l'uomo a modificare il proprio comportamento. Il passo successivo è come l'uomo influenzerà il proprio comportamento? Tendenzialmente lo farà in virtù del raggiungimento di una condizione a cui aspira, che possiamo definire benessere".

Un benessere che naturalmente è un valore "individuale" ma che può essere presentato come valore, riferimento comune, verso cui la comunità potrà tendere per un futuro migliore, collaborando.

Altro messaggio che bisogna lanciare è quello di iniziare a ridimensionare il paradigma della scarsità, che ci porta a sprecare in maniera quasi totale il 99% delle risorse naturali, e non solo. "Nella nostra società la competizione è possibile solo se le risorse sono scarse e quindi, quando non lo sono, bisogna renderle scarse - continua De Padova -. Siamo arrivati al punto che anche risorse non scarse come le idee sono state vincolate a logiche di scarsità per poter dare alle stesse un valore commerciale e quindi scatenare attorno ad esse la competizione. Solo quando la società abbandonerà il paradigma della competizione forse si riuscirà ad affrontare la questione dello spreco delle risorse naturali".

 

Per approfondire gli elementi riportati in questo articolo guarda: