NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sui cookie secondo la normativa europea

Il sito web che state navigando è conforme alla normativa europea sull'uso dei cookie. Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Il sito fa uso di cookie di profilazione propri e cookie introdotti da servizi di terzi parti di cui il sito stesso fa uso.

Che cosa sono i cookie?

I cookie sono di piccole dimensioni che vengono memorizzati all’interno del proprio computer quando visiti un sito web.

Questi , vengono utilizzati per personalizzare l’esplorazione degli utenti e raccogliere informazioni automatiche di accesso e di utilizzo del sito.

Quando il sito web è attendibile, come nel caso del nostro portale, i cookie contribuiscono a migliorare e velocizzare la sua navigazione, così come facilitano la tua prossima visita rendendo il sito più utile per le tue esigenze.

Questa è la sequenza di impostazione (o creazione) di un cookie:

  1. Quando si visita un sito Web per la prima volta, questo chiede di accettare un cookie per un dominio specifico. Se si accetta, il cookie viene salvato sul computer.
  2. Ogni volta che si visualizza una risorsa di quel dominio, il browser invia il cookie.

E’ possibile bloccare i cookie?

Sì è possibile bloccare o consentire i cookie in tutti i siti Web oppure scegliere i siti per i quali sono consentiti.

E’ opportuno bloccare tutti i cookie?

Non necessariamente. Il blocco di tutti i cookie può effettivamente contribuire a proteggere la privacy, ma limitare le funzionalità disponibili in alcuni siti Web. È pertanto consigliabile scegliere i siti Web per i quali consentire i cookie. È quindi possibile bloccare inizialmente tutti i cookie e quindi consentire quelli necessari per i siti considerati attendibili.

Che cosa sono i cookie temporanei?

I cookie temporanei (o cookie della sessione) vengono rimossi dal computer alla chiusura del browser. Vengono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, ad esempio gli articoli presenti nel carrello.

Che cosa sono i cookie permanenti?

I cookie permanenti (o cookie salvati) rimangono memorizzati nel computer anche dopo aver chiuso il Browser di navigazione. Vengono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l’utente debba ridigitarli ogni volta che visita un sito specifico. I cookie permanenti possono rimanere nel computer per giorni, mesi o persino anni.

Che cosa sono i cookie dei siti web visualizzati?

I cookie dei siti Web visualizzati derivano dal sito Web visualizzato e possono essere permanenti o temporanei. Possono essere utilizzati per archiviare informazioni che verranno riutilizzate alla successiva visita del sito.

Che cosa sono i Cookie tecnici?

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

Che cosa sono i cookie di terze parti?

I cookie di terze parti derivano da annunci di altri siti, ad esempio popup o striscioni pubblicitari, presenti nel sito Web visualizzato. Possono essere utilizzati per registrare l’utilizzo del sito Web a scopo di marketing. 

Pulsanti per i social network

Al fine di creare i pulsanti per i social media, tra cui Twitter, Facebook e YouTube, e collegarli ai corrispondenti social network e siti esterni, sono presenti sulle nostre pagine degli script provenienti da domini non soggetti al nostro controllo. Tali siti potrebbero raccogliere informazioni sugli spostamenti dell’utente in Internet e nell’ambito del nostro sito in particolare.

Se si fa clic su uno o più di questi pulsanti, i siti di cui sopra registrano tale azione e potranno fare uso delle relative informazioni. Per informazioni precise sull’utilizzo che tali siti fanno delle informazioni raccolte dagli utenti, e per sapere come eliminarle o evitare che esse vengano raccolte, consultare le informative sulla privacy di ciascuno dei siti in oggetto

Corso gratuito per GUARDIA AMBIENTALE VOLONTARIA

  • Data:
  • 0

FINALITA' E OBIETTIVI

L'Associazione Learning Cities ed il Circolo Legambiente "Verde Città di Putignano", vincitori del Progetto "Green City" – Avviso pubblico "Giovani per il sociale" della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – organizzano un percorso formativo per "Guardia Ambientale Volontaria".

Il progetto promuove azioni di riqualificazione di aree rurali in degrado, coinvolgendo tutti i cittadini e sviluppando esperienze di partecipazione sociale e cittadinanza attiva, finalizzate a sensibilizzare ed educare giovani, e meno giovani, e famiglie ad una maggiore tutela e protezione dell'ambiente.
Il percorso formativo per "Guardia Ambientale Volontaria" offre l'opportunità di promuovere la conoscenza della natura e favorirne la tutela a coloro che vi parteciperanno, in quanto saranno in grado di operare nel rispetto dell'ambiente e delle leggi che lo tutelano.
Si propone, pertanto, di trasferire le conoscenze e gli strumenti per valutare la qualità ed il benessere della vita dei cittadini e dell'ambiente in cui si vive; di promuovere l'informazione sugli strumenti legislativi predisposti a tutela dell'ambiente; di svolgere delle attività educative ed informative in materia di tutela ambientale per favorire la formazione di una coscienza civica attiva; di osservare comportamenti in contrasto con il rispetto e la tutela dell'ambiente.

DESTINATARI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

L'attività formativa è rivolta a 30 aspiranti "Esperti Ambientali Volontari", preferibilmente di età compresa tra i 18 e 35 anni e residenti nei Comuni di Alberobello, Castellana, Noci, Putignano e Locorotondo (requisiti preferenziali, ma non esclusivi ai fini della selezione).
La selezione avverrà in due fasi: l'analisi dei curricula pervenuti ed un colloquio motivazionale.
I candidati dovranno:
a) essere cittadini italiani o di uno stato membro dell'Unione Europea
b) essere maggiorenni (o se minorenni preventivamente autorizzati da chi ne esercita la patria potestà)
c) godere dei diritti civili e politici
d) essere in possesso di un titolo di studio della scuola dell'obbligo
e) acconsentire a frequentare l'intero percorso formativo, compreso di addestramento pratico per "Guardia Ambientale Volontaria".

MODALITA' E TEMPISTICA DI ATTUAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO

Modalità e Tempistica di attuazione del percorso formativo
Il percorso avrà una durata di 90 ore ripartite in: 45 ore di teoria, 25 ore di project work ed attività laboratoriale e 20 ore di vigilanza sul territorio.
Le lezioni si svolgeranno nel periodo compreso tra Aprile e Giugno 2017, nella sede di Palazzo Logroscino in via Martiri delle Fobie n. 1, a Putignano (BA).

La partecipazione al corso è gratuita e l'utilizzo di tutto il materiale didattico e di consumo occorrente sarà fornito dal Progetto.

Al termine delle attività sarà rilasciato un attestato di partecipazione a coloro che avranno frequentato almeno l'80% del monte ore previsto e superato la prova di verifica per il conseguimento dell'attestazione finale.

Coloro che avranno frequentato e superato con profitto il percorso formativo saranno inseriti in un programma di stage, retribuito dal Progetto Green City, con la funzione di "operatore ambientale". Lo stage, della durata di 60 ore, partirà a conclusione delle attività didattiche e si svolgerà prevalentemente nei mesi di Luglio, Agosto e Settembre (salvo diversa calendarizzazione concordata tra lo staff del Progetto Green City e/o eventuali proroghe concesse dall'Ente finanziatore finalizzate al completamento delle azioni progettuali).

TERMINI DI PARTECIPAZIONE

I candidati potranno scaricare dal sito www.legambienteputignano.it e www.learningcities.it il format di partecipazione alla selezione.
La documentazione per la domanda di partecipazione consta di:
a) domanda di partecipazione alla selezione redatta secondo lo schema predisposto dal Progetto;
b) curriculum vitae (completo di autorizzazione al trattamento dei dati personali), firmato ed accompagnato da copia di un documento di riconoscimento in corso di validità;
Le domande dovranno pervenire tramite e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o consegnate a mano presso "Circolo Legambiente Verde Città", in Corso Vittorio Emanuele n. 36 a Putignano, tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 12.30, oppure spedite a mezzo posta – riportando sulla busta la dicitura "Progetto "GREEN CITY" CUP J38I15000180008, Bando di selezione per "Guardia Ambientale Volontaria", – al seguente indirizzo: Circolo Legambiente Verde Città, Corso Vittorio Emanuele 36, 70017 Putignano entro il 14 Aprile 2017.

Tutte le informazioni riguardanti le prove di selezione e la successiva graduatoria degli ammessi al percorso di formazione saranno pubblicate sui siti suddetti e presso la sede del progetto.
Inoltre, ogni comunicazione verrà inviata tramite email a ciascun candidato che ne avrà indicato l'indirizzo sulla documentazione fatta pervenire ai fini della selezione.

Per ulteriori informazioni contattare, in ore ufficio, il numero 380 6541274.

Iscriviti al sito per poter accedere come utente e scaricare gli allegati. 

 

Leggi tutto...

SECONDO WORKSHOP UPPARK!

  • Data:
  • 0

Il 27 Ottobre 2016 si tiene il workshop collaborativo “Wake UpPark! – Il parco che vorrei”

Attraverso una metodologia di interazione strutturata, i partecipanti avranno modo di confrontarsi su diverse opzioni di sviluppo, per poi approfondire in piccole unità di lavoro la stesura di bozze progettuali. Tali idee, sebbene in embrione, potranno poi essere sviluppate, promosse o accolte, dai diversi livelli di autonomia locale in una logica di sinergia ed collaborazione, sulla base delle rispettive aree di interesse.

Si tratta di un meeting molto operativo a cui prendono parte piccole delegazioni provenienti da ogni comune a rappresentanza del territorio. Invitandola a partecipare a tale evento, le chiediamo di farsi parte attiva della mobilitazione di un gruppo di concittadini da invitare tra le seguenti categorie:

  • -        Referenti politici del territorio (sindaco, assessori, consiglieri)
  • -        Recnici in ambito territoriale (ingegneri, architetti, biologi, agronomi, ecc.), anche dipendenti dell’amministrazione comunale. Anche rappresentanti degli Ordini professionali
  • -        - Imprenditori locali con preferenza dei settori agricolo o zootecnico. Anche rappresentanti delle associazioni di categoria;
  • -        Organizzazioni del Terzo Settore,  interessate allo sviluppo del parco ed alla sua tutela.

Si tratta di una sessione di lavoro, in cui si pongono le basi per una visione condivisa del Parco. È necessario esserci per dare il via a ulteriori azioni nel proprio territorio legate a successive fasi del progetto.

Leggi tutto...

PROGETTO UPPARK! STRATEGIE DI RETE PER IL PARCO TERRA DELLE GRAVINE

  • Data:
Il progetto Uppark! Strategie di rete per il Parco Terra delle Gravine è un progetto collettivo che coinvolge partner istituzionali e privati, volto a valorizzare e tutelare un territorio di straordinaria importanza, che si estende su 13 Comuni della Provincia di Taranto (Ginosa, Laterza, Castellaneta, Mottola, Massafra, Palagiano, Palagianello, Statte, Crispiano, Martina Franca, Montemesola, Grottaglie, S.Marzano) e di un Comune della Provincia di Brindisi (Villa Castelli), per un totale di circa 28.000 ettari, e coincide con l’area del Parco omonimo istituito il 20 dicembre 2005 con L.R. n. 18.

Il Parco Terra delle Gravine costituisce un fondamento di politica territoriale, ambientale e culturale per costruire un orizzonte di consapevolezza, di inversione di tendenza economico-ambientale e culturale. Vieppiù, attualmente il Parco Terra delle Gravine non è oggetto di interventi specifici di alcun tipo, ingenerando una particolare incuria e degrado nelle aree naturalistiche in essa presenti, nonché di distacco del singolo cittadino-utente dal concetto di ambiente come bene comune.

Le priorità per l’area sono state individuate nel corso di incontri preliminari con l’Ente parco, Organismo di Gestione facente capo alla Provincia di Taranto; sono stati, inoltre, consultati documenti concernenti l’area Parco Terra delle Gravine, come a, titolo di esempio, le schede di gestione del sito SIC e ZPS “area gravine dell’arco jonico”, e altra documentazione preliminare realizzata da stakeholder locali inerente l’ipotesi di elaborazione di un piano di gestione dell’area Parco.

Tra le minacce evidenziate, v’è il rischio di incendi; ci sono lediscariche abusive e le contaminazioni; v’è la carenza di dati ambientali nelle aree protette relativamente al carico di inquinanti; un insufficiente controllo del territorio; una limitata partecipazione attiva delle comunità locali alla tutela delle aree naturali.

L’intervento di Learning Cities è finalizzato a strutturare un sistema di controllo e monitoraggio per la protezione partecipata delle aree. Il sistema si basa su esperienze di progettazione partecipata e monitoraggio civico realizzate su altri campi tematici (territorio urbano, mobilità, manutenzione stradale, rifiuti e igiene pubblica, illuminazione pubblica, sicurezza, ecc.).

L’elemento particolare di questa operazione, sta nel fatto che lo strumento e le modalità del monitoraggio, non vengono calate dall’alto, ma vengono co-progettati anch’essi con chi poi dovrà realizzare il monitoraggio.

La valutazione civica può essere considerata come un’attività di analisi della situazione territoriale su campi da definire in maniera partecipata. Infatti, il processo di valutazione, a cura dei cittadini, avviene attraverso il reperimento di dati oggettivi, riferiti alla situazione rilevata, attraverso un monitoraggio continuativo di uno spazio geografico preciso, l’Area naturale protetta, appunto.

Leggi tutto...

ALTA FORMAZIONE ECM

Si è concluso a Sassari, il percorso formativo "Il Tutor Facilitatore nella ASL SS1 di Sassari” è un percorso di alta formazione ECM (Educazione Continua in Medicina) di Learning Cities, sviluppato ed erogato in collaborazione con la Società Cooperativa Intrecci di Culture di Sassari.

Nasce dalla constatazione che gli operatori della sanità sono sempre più chiamati a dare risposte ai bisogni di salute delle persone e nel contempo sono impegnati a sviluppare soluzioni gestionali che per certi versi ridisegnano le stesse organizzazioni.

Argomenti quali l’ospedale, per intensità e complessità assistenziale, le linee di prodotto/servizio,  un ruolo più chiaro dei dipartimenti, le responsabilità di processo, la gestione per piattaforme, i modelli reticolari sul territorio, sono solo alcuni dei principali elementi di innovazione organizzativa che si affermano nell’agenda delle odierne aziende sanitarie.

Questa accresciuta complessità di gestione richiede maggiore capacità di organizzare il lavoro, a tutti i livelli, e l’attivazione di percorsi formativi capaci di accompagnare e sostenere il management aziendale.

Il tutor facilitatore, quindi, rappresenta una risorsa nell’organizzazione aziendale, capace di catalizzare le iniziative intraprese in un’ottica di miglioramento continuo. Egli esercita funzioni di collegamento con i gruppi/unità di lavoro impegnati nei diversi servizi sanitari aziendali, supportandoli nella messa in campo di progetti formativi mirati a preparare e rinforzare i team di lavoro, le stesse organizzazioni operative e le abilità specialistiche ed assistenziali.

I Tutor facilitatori, attraverso l’acquisizione di competenze specifiche, sono in grado di predisporre un progetto formativo nelle sue diverse fasi e di accompagnare gli operatori sanitari in apprendimento, utilizzando la formazione sul campo e l’utilizzo di metodologie di progettazione partecipata.

Il percorso si è concluso con un evento partecipato, del genere Open Space technology, autogestito dai discenti, che hanon così potuto mettere in campo le conoscenze ed esperienze acquisite, cimentandosi con una iniziativa mai realizzata prima nella ASL 1 di Sassari.

Il percorso è replicabile in altre ASL, in altre regioni. A tale scopo, potete contattarci ai nostri riferimenti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

AL VIA IL PROGETTO GREEN CITY A PUTIGNANO

Il progetto intende promuovere azioni di riqualificazione di aree rurali in degrado, con il coinvolgimento attivo di giovani, disabili e tossicodipendenti, sviluppando esperienze di partecipazione sociale e cittadinanza attiva, con l’obiettivo di sensibilizzare ed educare i giovani e le loro famiglie ad una maggiore tutela e protezione dell’ambiente.

Learning Cities, partner tecnico della cordata guidata dal Circolo Legambiente “Verde Città” di Putignano, è impegnata nell’attività di valutazione civica dei contesti urbani dei territori interessati dal progetto.

L’audit civico è una modalità di coinvolgimento attivo dei cittadini e rappresenta una forma innovativa di partecipazione che supera le modalità tradizionali della sensibilizzazione su determinate tematiche.

Il metodo, infatti, prevede un’azione di raccolta dati ed analisi critica delle informazioni rilevate e diviene una risorsa che può consentire di esprimere in maniera libera ed originale punti di vista, idee e suggerimenti, sul tema oggetto dell’indagine, che altrimenti potrebbero sfuggire o non essere rappresentati.

I gruppi di "cittadini-monitori" di Putignano, dunque, formati ed organizzati da Learning Cities, si adopereranno per monitorare il livello di degrado di alcune aree urbane che, pur non essendo sottoposte a vincoli paesaggistici, presentano un elevato valore aggiunto in termini di patrimonio naturalistico.

Al termine del progetto, le azioni partecipate messe in campo consentiranno di elaborare un processo sperimentale di miglioramento e condivisione, a livello di comunità locali, per la tutela e la salvaguardia dei territori. Nello specifico l’indagine sarà condotta nei Comuni di Alberobello, Castellana, Noci, Putignano e Locorotondo.

Quella considerata, è una superficie in cui i sistemi urbani sono perfettamente integrati in un articolato sistema di aree protette e riserve naturali che, se pure rappresentano dei vincoli e delle limitazioni alla presenza antropica, hanno di fatto determinato nel tempo le politiche di sviluppo (dal punto di vista della localizzazione degli insediamenti produttivi, dell’integrazione funzionale tra zone di pregio ed aree rurali, della valorizzazione turistica delle risorse naturali e dei sistemi urbani con il loro notevole patrimonio storico – artistico – culturale) sostenibile dell’intero territorio.

Leggi tutto...

CIBORICIBO campagna di sensibilizzazione a Casamassima

L'11 giugno alle 17 presso Palazzo Monacelle (in via Roma, 13) a Casamassima, avvio del demolab del progetto S.I.G.LAM. realizzato dalla società CADAN srl, in risposta alla manifestazione di interesse del Comune di Casamassima (utente finale) e con l'aiuto del CNR-IAC (laboratorio di ricerca), attraverso il bando Living Labs SMARTPUGLIA 2020 - Supporto alla crescita e sviluppo di PMI specializzate nell'offerta di contenuti e servizi digitali, cofinanziato dall’UE.

 

Nell’ambito del progetto S.I.G.LAM., che mira a creare una rete virtuosa per aiutare chi non ce la fa attraverso il recupero e la ridistribuzione di beni e alimenti invenduti, viene promossa anche l'iniziativa CIBOriCIBO, un laboratorio innovativo che consentirà di mettere in atto azioni concrete per combattere gli sprechi alimentari e innescare un circuito in cui la comunità diventa protagonista della solidarietà.

All’incontro interverranno Francesco Surico, Direttore Generale Innovapuglia Spa, Rosa Capozzi, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Margherita Diana, responsabile del Servizio socio-culturale del Comune di Casamassima, Carmelo TommasiProject Leader CADAN S.r.l. del progetto SIGLAMMarco Tribuziodirettore della FondazioneBanco delle Opere di Carità Bari, Marco Ranieri promotore del progetto Avanzi PopoloRosanna Selvaggi, presidente dell'associazione di volontariato Comunità e Vita, eAndrea Gelaoproject manager del laboratorio CIBOriCIBO.

Ogni anno in tutto il mondo gettiamo 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, pari a un terzo di tutto il cibo che produciamo. Ogni anno in Europa gettiamo 90 milioni di tonnellate di cibo, esclusi gli scarti dell’agricoltura e della pesca. In Italia ogni anno il cibo che dal frigo passa alla pattumiera corrisponde a 8,7 miliardi di euro, ovvero lo 0,5% del PIL e genera emissioni pari a 4 milioni di tonnellate di CO2. Lo spreco alimentare costa dai 5 ai 13 euro per famiglia a settimana, in base al livello di abitudine allo spreco.

La Comunità Europea considera importante il ruolo delle autorità locali e delle imprese, parallelamente a quello dei dettaglianti e dei media, nel fornire informazioni e assistenza ai cittadini in materia di prevenzione e riduzione degli sprechi alimentari.

A partire dall’11 giugno prenderà il via il mese dedicato a CIBOriCIBO durante il quale verranno organizzate attività sul territorio con lo scopo di informare e sensibilizzare cittadini, esercenti e associazioni di volontariato a prendere parte all’iniziativa.

L'innovativo progetto S.I.G.LAM. consentirà di distribuire presso le famiglie disagiate che vivono a Casamassima alimenti buoni non più vendibili (per difetti nella confezione o perché vicini alla scadenza) recuperati dalla distribuzione organizzata e da altre attività commerciali - come negozi, ristoranti, catering e aziende agricole che operano sul territorio di Casamassima - attivando in tal modo una immediata ed efficace rete di interscambio fra donatori e beneficiari. 

I cittadini potranno partecipare al progetto in diverse modalità: dedicando una parte del proprio tempo alla raccolta e distribuzione degli alimenti, dando un contributo in vario modo e acquistando un prodotto alimentare in uno dei punti vendita convenzionati e destinarlo all’iniziativa. Gli esercenti o altre attività commerciali che si convenzioneranno, diventeranno punti di supporto al progetto S.I.G.LAM.

I cittadini della Comunità di Casamassima, con piccoli gesti di volontariato, potranno così contribuire a un progetto più grande di interesse comune.

«L'iniziativa - dichiara Margherita Diana, responsabile  del Servizio socio-culturale del Comune di Casamassima - ha lo scopo di migliorare la qualità della vita dei cittadini in difficoltà e rendere la città più solidale e accogliente se pensiamo che, ad oggi, sono oltre duecento le famiglie bisognose assistite a vario titolo dal Comune di Casamassima. Con questo progetto, che auspichiamo incontrerà la sensibilità di molti cittadini, intendiamo contribuire al miglioramento delle condizioni di vita di coloro che sono in difficoltà e, allo stesso tempo, della salute dell'ambiente, riducendo sprechi e rifiuti. Non solo. Abbiamo un obiettivo ben più alto. Culturale. Ridurre lo spreco alimentare e valorizzarlo in termini di costi».

«S.I.G.LAM  - dichiara Carmelo Tommasi - Project Leader CADAN S.r.l. del progetto - utilizza l’informatica quale efficace strumento decisionale e strategico, per ottenere informazioni immediate a supporto di interventi mirati ad attuare migliori e più incisive politiche sociali, a ridurre gli sprechi e, quindi, i costi ad essi legati. S.I.G.LAM mira a costruire insieme una rete per aiutare chi non ce la fa».

Il progetto sarà gestito, coordinato e monitorato tramite la piattaforma tecnologica prevista da  S.I.G.LAM. - che sta per "Sistema Informativo Gestionale per il recupero e la ridistribuzione di beni e di alimenti invenduti", realizzato dalla CADAN S.r.l. nell’ambito dell’intervento cofinanziato dall’U.E. sul P.O. F.E.S.R. Regione Puglia 2007-2013, Asse I-Linea di Intervento 1.4 - Azione1.4.2 - Bando Living Labs SMARTPUGLIA 2020 - Supporto alla crescita e sviluppo di PMI specializzate nell'offerta di contenuti e servizi digitali - Investiamo nel vostro futuro.

La partecipazione all'incontro di giovedì pv è gratuita.

image

In allegato il comunicato stampa e il flyer dell'iniziativa.

Ufficio stampa 

Giusy Loglisci

334.2588877

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

I Learning Festival

I festival dell'apprendimento

 

Un utile strumento per presentare l'apprendimento come un divertimento, oltre che come una cosa conveniente perché utile alla crescita dell'individuo e della società in cui vive, sono i Learning Festival. I Festival dell'apprendimento, molto diffusi in Inghilterra, Svizzera, Australia e Giappone, sono vere e proprie vetrine per gli operatori dell'apprendimento (istituzionali, pubblici e privati) e per tutte quelle associazioni che si occupano di attività culturali, artistiche (danza, musica, artisti di strada) e del folklore locale.

I Festival danno la possibilità ai cittadini e ai bambini di incontrarsi, scambiare idee e cultura, conoscere nuove cose, immergersi in attività culturali e artistiche, in convegni e quant'altro possa generare sapere e apprendimento "divertendosi".

Le modalità organizzative di un Learning Festival sono tra le più svariate e tra le più creative che si possano avere, così come i loro programmi e le manifestazioni proposte sono molto creative, innovative e disparate. 
 
In Irlanda, nel 2016 si tiene la tredicesima edizione del Lifelong Learning Festival di Cork  che si caratterizza per la varietà di opportunità di apprendimento offerta ai cittadini di ogni età, qualsiasi siano gli interessi e le abilità. Il suo motto è stato in passato: "Investigare, Partecipare, Celebrare". Il festival propone ogni anno circa 200 eventi gratuiti in tutta la città, dai centri commerciali alle librerie e/o biblioteche, dalle scuole alle strutture sportive ai parchi.
 
Anche a Marion, cittadina vicino Adelaide (Australia), il Learning Festival si tiene da diversi anni e si concentra di volta in volta su tematiche differenti. Nella sua ultima edizione, i lotti di sessioni parallele erano così intitolati: direzioni digitali,  transizione e nuiovi orizzonti, comunità di pratiche. In passato sono state toccate le tematiche dell'eBusiness ma anche dell'Ambiente (edilizia sostenibile, coltivare frutta e portare fauna selvatica in ambienti urbani, risparmio idrico) e dello scambio culturale proponendo incontri sulle credenze astronomiche degli aborigeni del posto.

Ancora a Glasgow, si tiene ogni anno lo Scottish Learning Festival, organizzato dal Learning e Teaching Scotland, associazione degli operatori della formazione riconosciuta dal governo, per migliorare le pratiche e l'offerta di insegnamento e apprendimento, scambiando idee e creando nuovi network.

In alcuni casi queste iniziative nascono in modalità spontanea e vengono poi "incamerate" neoi programmi annuali della municipalità locale o di alcune altre istituzioni territoriali -università, agenzie ecc.- con l'intgenzione di rendere continuativo l'evento e programmare, con apposite "call for seminaries" la necessaria quantità di iniziative. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS